API E LETTERATURA

Le api non si posano solo sui fiori, ma anche sui libri: si scopre che da sempre filosofi, scrittori e poeti
hanno guardato al mondo delle api con ammirazione, stupore e rispetto,
auspicando l’imitazione del loro modello di vita:

Noi siamo le api dell’Universo. Raccogliamo senza sosta il miele del visibile
per accumularlo nel grande alveare d’oro dell’invisibile.
Rainer Maria Rilke


L’uomo non è destinato a far parte di un gregge come un animale domestico,
ma di un alveare come le api.
Emmanuel Kant


Nel 1911 il mondo delle api si è guadagnato persino un Premio Nobel per la letteratura
con Maurice Maeterlinck e il suo saggio “La vita delle api”:

Dall’alto d’una cupola più colossale che non quella di San Pietro in Roma,
discendono fino al suolo, verticali, multiple e parallele, gigantesche muraglie di cera,
costruzioni geometriche, sospese nelle tenebre e nel vuoto,
le quali, salve tutte le proporzioni, non si saprebbero,
per la precisione, l’arditezza e la grandezza,
paragonare ad alcuna costruzione umana.

Maurice Maeterlink


La più saggia delle illuminazioni:

“L’ape indaffarata non ha tempo per rattristarsi.” William Blake


  • Associazione Miele di ZavattarelloSi sa che le api sono in declino, minacciate da pesticidi, monocolture, malattie e cambiamenti climatici.
    Si sa che le api sono le responsabili dell’impollinazione di centinaia di specie di piante.
    Si sa che Albert Einstein ha affermato: “Se l’ape scomparisse dalla faccia della terra, all’uomo non resterebbero che quattro anni di vita”.
    Finchè le api ci sono lontane, queste sono solo notizie tristi e preoccupanti; ma quando abitano nel giardino di casa, d’improvviso tutto cambia: ci si inchina incantati alla loro sapienza, la loro operosità diventa esempio da imitare, il rischio di un’estinzione ci diventa insopportabile.

  • Tutto nasce dalle ricerche effettuate con il libro "Zavattarello, pagine di storia e di vita" in cui si scrive che il conte Luigi dal Verme di Torre Alberi figura fra i grandi studiosi di apicoltura. Bastano poche ricerche di archivio ed ecco tre attestati rilasciati al nonno del conte Luigi Dal Verme, anche lui di nome Luigi, a cui l'Associazione Centrale d'Apicoltura in Italia, conferisce, nel 1869 la Menzione Onorevole e, nel 1870, il secondo premio nazionale per il miele prodotto a Torre d'Albera, (oggi comune di Ruino, attiguo a Zavattarello). L'anno successivo sempre il conte Dal Verme, nella stessa rassegna nazionale, viene premiato con la medaglia d'argento. Nel 1920, il nipote del conte Luigi dal Verme fonda a Milano la prima Società di Apicoltura, crea in tutta la provincia i fiduciari comunali, istituisce una scuola comunale di apicoltura, detta le regole perché si controlli che non avvengano "apicidi".
    Viene per la prima volta il dubbio che il nostro territorio abbia caratteristiche particolari per l'apicoltura: dubbio confermato dal fatto che il nostro maestro di apicoltura, Alfredo Chiesa, viene premiato per 14 anni consecutivi alla rassegna annuale Grandi Mieli d'Italia; gli allievi Riccardo e Filippo di Cascina Mirani, sulle orme del maestro, partecipano alla stessa rassegna e in tre anni conquistano quattro premi. Nel 2017, l'anno terribile per gli apicoltori a causa della siccità, Chiesa e Cascina Mirani risultano i soli premiati in tutta la provincia di Pavia.
    Si arriva ai giorni nostri e senza che ci sia alcuna richiesta da parte nostra , viene proposto che nel Comune di Zavattarello venga istituita la Stazione Sperimentale di Fecondazione a tutela dell'Apis Mellifera Ligustica che infatti viene approvata in data 10 dicembre 2017. Nel castello di Zavattarello sta nascendo il Museo dell'Apicoltura e la nostra Associazione organizza per l'anno 2018 la Scuola per Apicoltori sulla scia di quanto aveva fatto il conte Luigi Dal Verme, nel 1938.

"Si vada dunque altrove ad attingere buone massime di apicoltura,
ma non si trascuri più a lungo questo benefizio della provvida natura"

Così scriveva fin dal 1859 Daniele Bertacchi nella sua Monografia di Bobbio, della cui Provincia Zavattarello faceva parte

Ape intelligente

Uova appena deposte in fondo alla cella.
Per chi ancora non crede nei miracoli.



CON IL PATROCINIO DI




PROMOSSO DA




PARTNER

Banca di PiacenzaCamera di CommercioFondazione CariploSerica


SPONSOR

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookies Policy

Cookie del browser:

I cookie sono porzioni di informazioni che il sito Web inserisce nel dispositivo di navigazione quando viene visitata una pagina. Possono comportare la trasmissione di informazioni tra il sito Web e il dispositivo, e tra quest'ultimo e altri siti che operano per conto nostro o in privato, conformemente a quanto stabilito nella rispettiva Informativa sulla privacy. È possibile decidere di ricevere un avviso ogni volta che viene inviato un cookie o di disabilitare tutti i cookie modificando le impostazioni del browser.

Disabilitando i cookie, tuttavia, alcuni dei nostri servizi potrebbero non funzionare correttamente e non si potrà accedere ad alcune funzionalità pensate per ottimizzare la tua esperienza di navigazione nel sito. Per maggiori informazioni sulla gestione o su come disabilitare i cookie del browser, può essere consultata l'ultima sezione della presente Politica sui cookie.

Sul presente sito sono utilizzate due tipologie di cookie che andiamo di seguito a descrivere:

1. Cookie strettamente necessari (cookie tecnici)

Questi cookie sono fondamentali per poter navigare sul sito Web ed utilizzare alcune funzionalità. Senza i cookie strettamente necessari, i servizi base di navigazione del sito, non possono essere forniti. Non è necessario fornire il consenso per i cookie strettamente necessari, poiché sono indispensabili per assicurarti l'accesso al servizio.

Per ulteriori informazioni ci rifacciamo all'informativa sulla privacy del sito.

2. Cookie per le prestazioni (cookie analytics)

È possibile che da parte nostra (o dei fornitori di servizi che operano per nostro conto) vengano inseriti dei cookie per le prestazioni nel tuo dispositivo di navigazione. Le informazioni raccolte mediante i cookie per le prestazioni sono utilizzate esclusivamente da noi. I cookie per le prestazioni raccolgono informazioni anonime relative al modo in cui gli utenti utilizzano il sito Web e le sue varie funzionalità.

Ad esempio, i nostri cookie per le prestazioni raccolgono informazioni in merito alle pagine del sito che visitate più spesso. I nostri cookie per le prestazioni non raccolgono informazioni di carattere personale.

Un collegamento alla nostra Politica sui cookie è disponibile nella parte inferiore di ciascuna pagina del presente sito Web. Continuando a utilizzare questo sito Web e le sue funzionalità, si autorizza noi a inserire cookie per le prestazioni nel tuo dispositivo di navigazione. Per eliminare o gestire i cookie per le prestazioni, consultare l'ultima sezione della presente Politica sui cookie.

Qualora voleste maggiori informazioni sulle politiche applicate da Google Inc. in tema di riservatezza dei dati potete cliccare qui: http://www.google.com/policies/technologies/cookies/

Per disabilitare i cookie statistici impedendo così a Google Analytics di raccogliere dati sulla vostra navigazione, potete scaricare l'apposito componente per la disattivazione di Google Analytics che trovate qui: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Abilitazione/disabilitazione di cookie tramite il browser

Esistono diversi modi per gestire i cookie e altre tecnologie di tranciabilità. Modificando le impostazioni del browser, puoi accettare o rifiutare i cookie o decidere di ricevere un messaggio di avviso prima di accettare un cookie dai siti Web visitati. Ti ricordiamo che disabilitando completamente i cookie nel browser potresti non essere in grado di utilizzare tutte le nostre funzionalità interattive. Se utilizzi più computer in postazioni diverse, assicurati che ogni browser sia impostato in modo da soddisfare le tue preferenze. Puoi eliminare tutti i cookie installati nella cartella dei cookie del tuo browser. Ciascun browser presenta procedure diverse per la gestione delle impostazioni. Fai clic su uno dei collegamenti sottostanti per ottenere istruzioni specifiche.

Microsoft Internet Explorer
Google Chrome
Mozilla Firefox
Apple Safari

Se non utilizzi nessuno dei browser sopra elencati, seleziona "cookie" nella relativa sezione della guida del browser che utilizzi per scoprire dove si trova la tua cartella dei cookie.

facebook_page_plugin